04/07/2022

Rossomotori.it

Il motorsport raccontato fino all'ultima curva

La VR46 arriva in MotoGP, ma con quale moto?

vr46 Motogp team 2022

Marini in sella alla Ducati GP19 targata Sky Racing Team VR46, ma appoggiata ad Esponsorama Racing. Dall'anno prossimo la VR46 avrà una struttura tutta sua - Photo Credit: motogp.com

Annunciata la nascita dell'ARAMCO Racing Team VR46. Ma con quale moto saranno in pista?

Questa mattina è arrivata l’ufficialità del team VR46 in MotoGP a partire dal 2022. Il team di Valentino Rossi si lega a Saudi Aramco, nota compagnia petrolifera araba. Nonostante la nascita dell’ARAMCO Racing Team VR46, permangono ancora tanto interrogativi sui piloti e sulla casa costruttrice a cui si legherà la nuova squadra. Le ipotesi potrebbero essere tre, forse quattro. E due di esse sono particolarmente papabili per sposare il nuovo progetto di Valentino Rossi.

Yamaha, Suzuki, Ducati e Aprilia in lizza per il team VR46 in MotoGP

Partiamo innanzitutto dai fatti che sono chiari. Il prossimo anno sullo schieramento della MotoGP non ci sarà più la struttura Esponsorama Avintia, i cui due posti vengono presi dal neonato team di Rossi. A questa situazione si unisce il fatto che Aprilia entrerà come team full factory, staccandosi così da Gresini Racing. Quest’ultima, a sua volta, rimarrà in MotoGP come team indipendente. Le moto in pista passeranno da 22 a 24 e Dorna vorrebbe che ognuno dei sei costruttori schierasse due moto factory e due satelliti. E qui iniziano le ipotesi per quanto riguarda il team VR46.

Yamaha e Suzuki, possibilità praticamente nulle

In Suzuki il piano per mettere in piedi un team satellite è quanto mai lontano. La partenza di Brivio ha complicato i piani e la squadra sta comunque funzionando egregiamente con le sole moto di Rins e Mir. Manca una figura collante per permettere la nascita di un team satellite e quasi sicuramente non se ne farà nulla. Peccato perché per VR46 la casa di Hamamatsu avrebbe significato entrare subito in possesso di una moto vincente e competitiva. Dal lato Yamaha, i contatti sembrano ben avviati per rinnovare il contratto con Petronas. Rossi quindi dovrà certamente abbandonare il sogno di avere le moto giapponesi per il suo team.

vr46 Motogp team 2022
Rossi e Morbidelli, attuali compagni di squadra in Yamaha Petronas – Photo Credit: Motogp.com

Ducati e Aprilia, il Made in Italy perfetto per il team di Rossi

Nonostante la partenza di Esponsorama, Ducati vorrebbe mantenere le sue sei moto in pista vista anche la situazione Suzuki. Nella battaglia per accaparrarsi le due selle di Borgo Panigale, c’è la lotta proprio tra VR46 e Gresini Racing. Il team dello scomparso Fausto sarebbe ad un passo dall’accordo con la casa bolognese. Con Aprilia invece che vorrebbe schierare quattro moto, Valentino Rossi troverebbe nella casa di Noale il partner perfetto. Si andrebbe anche a chiudere un cerchio, con il 46 che iniziò la sua carriera in MotoGP proprio in sella all’Aprilia 125cc. Per i piloti si potrebbe pensare a Luca Marini e magari alla promozione di Bezzecchi dalla Moto2. Senza tralasciare che i malumori di Morbidelli per non avere una moto factory, nonostante il suo status di vice campione del mondo, potrebbero portarlo a cambiare aria.

vr46 Motogp team 2022
La VR46 è già presente in MotoGP con Marini, appoggiato alla struttura di Esponsorama. Qui Marini è seguito da Savadori su Aprilia, una delle possibili moto in lizza per il team VR46 nel 2022 – Photo Credit: Motogp.com

Riccardo Zoppi