17/08/2022

Rossomotori.it

Il motorsport raccontato fino all'ultima curva

Complotti e cavalli: Honda smentisce un intervento FIA sulla power unit

Dopo i dubbi e i complotti sulla presunta illegalità della power unit Red Bull, la casa giapponese Honda ha smentito l'intervento della FIA.

La tripletta segnata da Max Verstappen prima degli ultimi due GP aveva fatto nascere dubbi con conseguenti complotti sull’illegalità della power unit Red Bull; Mercedes soprattutto aveva messo la pulce nell’orecchio, diffondendo la voce secondo cui i cavalli del motore Honda erano stati sicuramente aumentati. Non solo la voce non ha avuto seguito, ma dopo Gran Bretagna ed Ungheria addirittura è spenta; le vittorie ottenute da Mercedes rischiano infatti di invertire i dubbi. Nel frattempo però Honda ha smentito la voce nata a Brackley, chiarendo che la FIA non è mai intervenuta per un’ipotetica illegalità sulla power unit giapponese.

Honda smentisce la presunta power unit illegale: nessun intervento da parte della FIA

La presunta illegalità del motore Ferrari 2019, poi pagata nel 2020 ha riscosso talmente tanto successo che Mercedes ha provato a ripetere la storia, con un obiettivo diverso. Il bersaglio di quest’anno è stata infatti la scuderia di Milton Keynes, diretta rivale dei campioni del Mondo; da Brackley infatti è nata la voce secondo cui la power unit Honda era stata modificata per aumentarne i cavalli, azione illegale secondo il regolamento.

Il dubbio di cui si è fatto portavoce Toto Wolff è sorto dopo la tripletta Francia-Austria-Austria che non a caso ha visto Verstappen dominare su tutti. Red Bull ha difeso le proprie azioni e nonostante gli sforzi di Mercedes il tutto si è concluso con un nulla di fatto. Anche Honda è intervenuta a smentire gli ipotetici interventi da parte della FIA che avrebbero penalizzato Red Bull negli ultimi due GP così come successo al team di Maranello lo scorso anno.

fia power unit honda
Adrian Newey, GP Ungheria 2021 – Photo Credit: Red Bull Content Pool

La casa produttrice giapponese ha infatti chiarito che se fosse stata emanata una direttiva, tutti i team ne sarebbero stati a conoscenza; cosa che in effetti non è accaduta. La spiegazione della riduzione del gap tra Mercedes e Red Bull è in realtà meno complottista; Adrian Newey ha infatti spiegato che probabilmente Mercedes ha guadagnato qualcosina dalla parte ibrida. Un confronto diretto non c’è ancora stato in gara, mentre in qualifica le W12 sembrano essere tornate competitive. Per il gap in gara bisognerà quindi attendere il Belgio per capire se effettivamente anche il 2021 si prepara ad andare nelle mani di Toto Wolff.

Ascolta PaddockGP!

Non dimenticare di ascoltare l’ultima puntata di PaddockGP. Durante il quarto episodio, abbiamo commentato tutti i punti salienti che hanno animato il weekend del GP di Ungheria assieme al nostro amico Giovanni Armano di ArmanocraziaTV.

SEGUICI SU:

Facebook, la nostra pagina ufficiale.
Instagram, foto a sfondo motoristico e non solo!
Spotify, per ascoltare il meglio dei podcast in cuffia.
YouTube, per gustarti tutti i nostri video.

Chiara Zambelli

About Post Author