17/08/2022

Rossomotori.it

Il motorsport raccontato fino all'ultima curva

KTM MotoGP, per Acosta un contratto fino al 2024

KTM MotoGP acosta

photo credit: motogp.com

La KTM sta costruendo il suo futuro in MotoGP investendo sui giovani. Da Binder a Oliveira, passando per Gardner, Raul Fernandez e Acosta.

KTM sta costruendo in MotoGP un futuro davvero promettente. Stabilmente in top class dal 2017, la casa austriaca ora punta a vincere il tanto ambito titolo. Dalla sua può vantare un parco piloti di tutto rispetto, iniziando da Brad Binder e Miguel Oliveira. Sono loro le punte di diamante della casa di Mattighofen. Dal 2022 ci saranno anche Remy Gardner e Raul Fernandez nel team Tech3, i quali si stanno giocando il titolo in Moto2 con Bezzecchi. Senza tralasciare quel Pedro Acosta, diciassettenne, che in Moto3 sta sbaragliando la concorrenza ed al quale sembra sia stato offerto un super contratto.

Per KTM MotoGP far fuggire Pedro Acosta sarebbe come suicidarsi

Ricapitolando la situazione contratti, KTM ha in mano Brad Binder fino al 2024 e Miguel Oliveira fino al termine del 2022. Al momento nulla fa pensare che il portoghese possa guardarsi intorno in ottica 2023, ma in questa MotoGP nulla è impossibile come ben ci insegna la vicenda Vinales. Remy Gardner e Raul Fernandez invece avranno due anni di contratto, quindi fino al termine della stagione 2023 siederanno nel box Tech3 equipaggiati con delle RC16 ufficiali. Per Pedro Acosta invece, il quale si sta involando verso il titolo Moto3 a meno di scossoni impronosticabili, è pronto un triennale fino al termine della stagione 2024.

ktm motogp acosta
Pedro Acosta, alla sua stagione da debuttante nel Motomondiale, ha vinto 5 gare ed ottenuto un 2° posto. È leader della classifica Moto3 con 196 punti – Photo Credit: motogp.com

Il contratto prevede di passare in Moto2 il prossimo anno e trascorrere due stagioni nella categoria, ereditando una delle selle lasciate libere da Gardner e Raul Fernandez nel team KTM Ajo (l’altra sembra essere destinata ad Augusto Fernandez, ora nel team Marc VDS con Sam Lowes). Poi ci sarebbe il passaggio diretto in MotoGP per la stagione 2024. In questo modo Pedrito avrebbe tutto il tempo e la serenità necessaria di prendere piena confidenza con la Moto2, senza la pressione che poi creano le voci di mercato riguardo un eventuale passaggio in MotoGP. La sensazione è quella di essere davanti ad un vero fenomeno. La lungimiranza di KTM ci potrà confermare, tra qualche anno, se sia stata o meno la scelta giusta. L’annuncio ufficiale dovrebbe arrivare nei prossimi giorni.

SEGUICI SU:

Facebook, la nostra pagina ufficiale.
Instagram, foto a sfondo motoristico e non solo!
Spotify, per ascoltare il meglio dei podcast in cuffia.
YouTube, per gustarti tutti i nostri video.

Riccardo Zoppi

About Post Author