09/08/2022

Rossomotori.it

Il motorsport raccontato fino all'ultima curva

Valentino Rossi su Marquez: “Andare d’accordo con lui? Almeno ancora 20 o 30 anni”

Valentino Rossi ripercorre la sua carriera analizzando le varie rivalità incontrate nel corso della sua ventennale esperienza in MotoGP

La passerella di Valentino Rossi che lo porterà alla sua ultima gara di Valencia è già iniziata e cominciano ad affiorare i ricordi della sua carriera. Nella fattispecie, ai microfoni di BT Sport, ha ricordato i suoi numerosi avversari, da Alex Barros fino ad arrivare a Marc Marquez.

Valentino Rossi e i suoi rivali

Quanti rivali ha dovuto incontrare Valentino Rossi nella sua ventennale carriera in Motogp. Piloti coriacei che hanno reso al pubblico delle sfide a tratti memorabili. Sorpassi, staccate al limite, scontri in pista e fuori da essa.

Uno dei primi ad essere ricordato è stato Alex Barros. Il brasiliano secondo il Dottore era un grande “staccatore” e da lui ha attinto preziose lezioni. Il nove volte campione del mondo ha ricordato anche il compianto Nicky Hayden, che lo ha battuto nel 2006 conquistando il suo unico titolo mondiale in sella alla HRC RC211V.

Valentino Rossi
Alex Barros seguito da Valentino Rossi a Motegi 2002 – photo credits: motogp.com

Mi fa piacere parlare di Alex Barros, che è uno dei piloti da cui ho imparato come frenare ed entrare in curva. Era davvero molto veloce. Nicky Hayden, un vero peccato quello che gli è accaduto, era davvero un bravo ragazzo.

Valentino Rossi e la MotoGP moderna

Rossi ha dovuto battagliare con diverse generazioni di piloti. Quando arrivò in MotoGP era lui il giovane talento in rampa di lancio, ma con il passare degli anni si è dovuto scontrare con piloti di prim’ordine molto più giovani di lui.

Il primo in ordine cronologico è stato Casey Stoner. Nel 2007 l’australiano si impone in campionato all’esordio con la Ducati Desmosedici dando spettacolo sulla rossa di Borgo Panigale. Rossi arrivava da un anno deludente, con il titolo perso all’ultima gara di Valencia proprio contro il su citato Nicky Hayden. Una battaglia che ha visto vincente il numero 27 della Ducati, ma che è stata solo un’anteprima di quello che sarebbe successo nel 2008. Nell’anno dell’ottavo titolo iridato, l’immagine iconica dello scontro tra i due fu il sorpasso al mitico “cavatappi” di Laguna Seca a parte del pesarese sull’australiano.

Valentino Rossi e Casey Stoner durante la gara di Laguna Seca 2008 – photo credits: motogp.com

Casey Stoner è stato uno dei piloti più talentuosi e difficili da battere, perchè per me dal punto di vista del talento puro era imbattibile.

Il secondo pilota ricordato è stato ovviamente Jorge Lorenzo. Non solo un rivale, ma anche un compagno di squadra. Non si sono mai amati, tanto da tirare su un muro tra i due lati del box.

Anche Lorenzo era talentuoso. Non mi meritavo un compagno così dopo tutto quello che ho fatto per la Yamaha. Magari me ne potevano dare uno più lento.

In ultima battuta, il rivale per eccellenza. Marc Marquez. Non tanto per lo scontro diretto tra i due (Rossi rientrava nel 2013 dalla sua brutta esperienza in Ducati e ha impiegato qualche anno per ritornare ai suoi livelli), ma per quello che è successo nel 2015. Un affronto che ancora oggi il pesarese non accetta.

Valentino Rossi
Uno dei tanti scontri corpo a corpo tra Marquez e Valentino Rossi – photo credits: motogp.com

Marc è un grande rivale ed è davvero veloce. E’ uno dei migliori, ma con lui non mi sento molto a mio agio in pista. Quanto ci vorrà per andare d’accordo? Penso ancora 20 o 30 anni

I giovani talenti

Non solo pilota, ma anche un uomo lungimirante e che ha pensato al futuro dei giovani piloti italiani. La VR46 Academy sta sfornando talenti che stanno rifocillando la griglia e che lottano per i titoli mondiali.

Sono molto orgoglioso di questo, perché quando avrò finito sarà come se una parte di me resterà qui. Loro adesso sono dei veri atleti, per come vivono la giornata. E questo cambia molto le cose anche quando sono in moto, perché vanno più forte e sono migliori.

SEGUICI SU:
Facebook, la nostra pagina ufficiale.
Instagram, foto a sfondo motoristico e non solo!
Spotify, per ascoltare il meglio dei podcast in cuffia.
YouTube, per gustarti tutti i nostri video.
Simone Massari

About Post Author