05/07/2022

Rossomotori.it

Il motorsport raccontato fino all'ultima curva

GP Abu Dhabi: a Yas Marina cordoli simili a quelli del Qatar

GP Abu Dhabi
GP di Abu Dhabi: cordoli sospetti a Yas Marina. Secondo Motorsport sono molto simili a quelli responsabili di diverse forature in Qatar

L’edizione italiana di motorsport ha anticipato alcune novità riguardanti la pista di Yas Marina che domenica ospiterà l’ultima, attesissima, gara della stagione. In particolare il circuito, rinnovato proprio in occasione del GP di Abu Dhabi, presenterebbe dei cordoli a piramide, simili a quelli già visti in Qatar. A Losail, la presenza di cordoli scalinati provocò danni alle gomme. La preoccupazione, più che legittima, è che episodi simili possano accadere anche durante l’ultimo weekend dell’anno.

GP Abu Dhabi: sulla pista rinnovata spuntano nuovi cordoli potenzialmente pericolosi

Cresce l’attesa per l’ultimo GP della stagione, mai così decisivo come quest’anno, con Verstappen ed Hamilton che arrivano ad Abu Dhabi a pari punti. Come da tradizione, ad ospitare la gara sarà il circuito di Yas Marina, oggetto nei mesi scorsi di un restyling per aumentarne la velocità e la possibilità di sorpassi. In particolare, i lavori hanno riguardato la sequenza di curve 5,6,7, trasformate in un rettilineo con un’unica curva, la cinque. Altro tratto di pista modificato è quello delle curve 11,12, 13 e 14, diventata un’unica curva, la 9, caratterizzata inoltre da un leggero banking. La nuova conformazione dovrebbe rendere la pista più veloce, anche se ad un primo approccio non sono mancate sorprese poco gradite.

Secondo quanto riportato da Roberto Chinchero su motorosport.com, nelle zone modificate sono stati introdotti dei cordoli molto alti (circa 7,5 cm), che potremmo definire a piramide, posti proprio sulla linea usata dai piloti perportare fuori dalla curva le monoposto ad altissima velocità. I cordoli incriminati, che si trovano in uscita dalla curve 5 e 9, sono molto simili a quelli già visti tre settimane durante GP del Qatar a Losail, circuito che ha messo a dura prova la resistenza delle gomme Pirelli. In quell’occasione a farne le spese furono Norris, Bottas, Latifi e Russell, tutti vittime di forature dovute proprio ai cordoli. Lo stesso scenario potrebbe ripresentarsi a Yas Marina, con conseguenze anche più gravi nel malaugurato caso coinvolgesse uno tra Hamilton o Verstappen. Ad aggravare la situazione, il non trascurabile particolare che la Pirelli non sia stata messa a conoscenza di questo pericolo.

Ascolta PaddockGP!

Ascolta la nuova puntata di PaddockGP, la numero 15 in cui Raffaello Caruso e Chiara Zambelli hanno commentato il GP di Arabia Saudita, sede della gara numero 21 del mondiale di Formula 1.

SEGUICI SU:

📱 Facebook, la nostra pagina ufficiale.
📸 Instagram, foto a sfondo motoristico e non solo!
🎙 Spotify, per ascoltare il meglio dei podcast in cuffia.
📹 YouTube, per gustarti tutti i nostri video.

Rosanna Greco