07/07/2022

Rossomotori.it

Il motorsport raccontato fino all'ultima curva

Jack Miller sul suo futuro: “Se non faccio bene perdo il posto, posso vincere il mondiale”

Miller futuro
Jack Miller si è raccontato a Marca parlando del suo futuro e delle sue sensazioni per il mondiale che si appresta ad iniziare

Jack Miller è sempre stato un pilota trasparente e in questa intervista a Marca riguardante il suo futuro, non è stato da meno. L’australiano ha parlato anche delle sue ambizioni per il 2022 e la possibilità di essere sostituito.

Il futuro di Miller

Il pilota australiano, nel team ufficiale dal 2021, ha affermato di ambire a qualcosa di importante per la prossima stagione vista anche la Desmosedici GP22 che pare sempre più competitiva.

Sicuramente gli altri marchi hanno lavorato duramente durante l’inverno, ma penso ancora che abbiamo la migliore moto in griglia. Sono nelle migliori condizioni in cui sia mai stato mentalmente e fisicamente. Di sicuro è la migliore opportunità per essere campione del mondo. Nella mia mente l’obiettivo è quello di fare la migliore stagione possibile

Essere un pilota factory comporta una maggiore pressione. Onore e onere si direbbe e Jack Miller ha chiara la situazione. I talenti alla casa di Borgo Panigale non mancano, con Jorge Martin ed Enea Bastianini in pole per un posto da pilota ufficiale.

Jack Miller durante i test di Mandalika che prova una nuova aerodinamica per la sua GP22 – photo credits: motogp.com

Dopo un 2021 di alti e bassi, Miller sa che se non migliorerà i propri risultati, potrebbe perdere la sella nel team factory.

Se non faccio bene il mio lavoro possono prendere il mio posto. Devo fare il mio lavoro al meglio delle mie capacità, dimostrare che mi merito quel posto. Non c’è molto che posso fare: dare il massimo e se non sono abbastanza bravo, allora non lo sono. Questa è la vita

Il morale di Jack Miller

Essere in scadenza di contratto, a differenza di Bagnaia che ha già rinnovato fino al 2024, non deve essere facile per “JackAss” che dovrà giocarsi le sue carte per il rinnovo fin dalla prima gara del Qatar. Presumibilmente se Ducati prenderà la decisione di sostituirlo, avverrà in primavera.

Nella mia mente sono normale, ma sono diverso, questo è certo. Immagino perché in MotoGP quasi tutto lo staff, le persone sono europee e io vengo dall’Australia, dove siamo un po’ diversi, ma sono decisamente unico. Se hai qualcosa da dire devi dirlo in modo da chiarirsi. Sono sempre onesto e se c’è un problema… chi se ne frega? Ognuno per la sua strada

SEGUICI SU:

📱 Facebook, la nostra pagina ufficiale.
📸 Instagram, foto a sfondo motoristico e non solo!
🎙 Spotify, per ascoltare il meglio dei podcast in cuffia.
📹 YouTube, per gustarti tutti i nostri video.
👔 LinkedIn, rimani aggiornato sulle nostre offerte e contenuti.

Simone Massari