06/07/2022

Rossomotori.it

Il motorsport raccontato fino all'ultima curva

Leclerc rapinato a Viareggio, via l’orologio da 300 mila euro

Leclerc
Charles Leclerc è stato rapinato a Viareggio mentre si concedeva un selfie con un fan e, proprio questo, gli ha sottratto il suo Rolex.

Il pilota della Scuderia Ferrari, Charles Leclerc, è stato rapinato mentre passeggiava a Viareggio durante la giornata di Pasquetta. Un ladro, con la scusa di un selfie, si è avvicinato al pilota di Formula 1 mentre era in compagnia di Andrea Ferrari, suo preparatore atletico originario proprio di Viareggio, e gli ha sottratto con violenza l’orologio, un rolex dal valore di 300 mila euro.

Leclerc rapinato a Viareggio da due ladri con la scusa di un selfie

Succede quando sei “a casa tua” e ti prepari a giocare per il GP di Imola, uno dei due round italiani e appuntamenti di casa per la Scuderia Ferrari, quando il beniamino del team, Charles Leclerc, viene rapinato a Viareggio in una tranquilla giornata mentre concedeva un selfie a quello che si sarebbe rivelato essere un ladro.

Il fatto di cronaca risale alla giornata di lunedì 18 aprile in via Salvatori, nel quartiere della Darsena, durante quella che si prospettava essere una tranquilla giornata di Pasquetta e relax in vista dell’impegnativo GP di Imola, uno dei weekend più importanti per il monegasco – leader del mondiale – e per la Ferrari stessa. Sul posto si sono precipitati i carabinieri, che adesso indagano sull’accaduto, ma dalla compagnia viareggina massimo riserbo da parte sulle dinamiche. 

A denunciare l’accaduto è stato proprio Andrea Ferrari, originario di Viareggio ed amico e preparatore atletico del pilota monegasco, pubblicando un post sul suo profilo Instagram.

Leclerc rapinato Viareggio

SEGUICI SU:

📱 Facebook, la nostra pagina ufficiale.
📸 Instagram, foto a sfondo motoristico e non solo!
🎙 Spotify, per ascoltare il meglio dei podcast in cuffia.
📹 YouTube, per gustarti tutti i nostri video.
👔 LinkedIn, rimani aggiornato sulle nostre offerte e contenuti.

Raffaello Caruso