06/07/2022

Rossomotori.it

Il motorsport raccontato fino all'ultima curva

Valtteri Bottas nuova autorità in Alfa Romeo: “Se chiedo qualcosa, accade”

Valtteri Bottas Alfa Romeo
Valtteri Bottas parla della sua nuova avventura in Alfa Romeo e della differenza con il team Mercedes con cui ha convissuto per cinque anni.

Valtteri Bottas è un pilota del tutto nuovo da quando ha firmato il suo contratto come portacolori di Alfa Romeo. Il vichingo di Nastola è tornato in forma grazie al cambio di maglia e questo non è da considerarsi scontato in quanto egli ha trovato in Alfa Romeo una dimora confortevole e adatta alla sua persona. In esclusiva per The Race, Valtteri racconta come nel team italo-svizzero il suo parere valga qualcosa, a differenza dei trascorsi in Mercedes.

Valtteri Bottas: “Mercedes non contavo nulla, in Alfa Romeo è diverso”

Nonostante numerose stagioni all’attivo nella Formula 1, Valtteri Bottas sta vivendo qualcosa di nuovo per la prima volta nella massima serie. Dopo nove stagioni, quasi 200 gare e 10 vittorie nei Gran Premi, è finalmente il punto di riferimento in un team.

È in parte un mix di circostanze: il cambio di casacca in favore di Alfa Romeo, team minore rispetto a Mercedes, il compagno di squadra e debuttante Zhou Guanyu e, infine, l’esperienza acquisita da Valtteri Bottas nelle cinque stagioni come Uomo d’Argento al fianco di Sir Lewis Hamilton.

gp mercedes brasile
Photo Credit: Mercedes F1 Official Media Site

Cinque stagioni in cui il gregario di Lewis Hamilton alla Mercedes ha lasciato Bottas bisognoso di un cambiamento. Il ricongiungimento con il suo vecchio capo della squadra delle formule minori Frederic Vasseur gli ha dato la possibilità di essere il punto focale per la prima volta nella sua carriera. Dopo poche gare, Bottas ha già notato una grossa differenza.

Mi sento davvero una parte importante della squadra. Ed è stato davvero bello avere la giusta autorità sulle cose. Se chiedo qualcosa, succede e tutti ascoltano davvero. E sono stato in grado di motivare alcune persone. Ora è solo una sensazione molto motivata e buona nella squadra, tutti ci stanno davvero provando. Questo è esattamente quello che ho cercato di fare, ma ovviamente, i risultati, come alla prima gara, segnando quei punti, puoi vedere quanto sia stato edificante per le persone, e questo aiuta. Sono davvero felice di come stanno andando le cose con la squadra e il mio ruolo. Mi sento come se non stessi guidando solo la macchina, ma l’intera squadra e questo in Mercedes non mi era concesso. Mi sento come se fossi un po’ più di questo. Non sono solo un pilota, ma anche un importante membro della squadra.

Quindi, ovviamente, Bottas è stato un membro importante del team Mercedes. E lui lo sa. Non c’è certamente alcuna indicazione che senta che la squadra lo abbia attivamente minato o che non abbia apprezzato il suo contributo o qualcosa del genere, ma ovviamente un pilota non può guardare sempre al bene del team, ma deve guardare soprattutto il proprio.

Dopo solo poche gare il Alfa Romeo possiamo notare come Valtteri Bottas stia bene e sa anche quanto il suo valore in campo sia tenuto in considerazione nella casa di Hinwil. Era all’ombra di Hamilton lì, in Mercedes. C’era una naturale gravità all’interno della squadra nei confronti del suo sette volte campione del mondo.

In passato è sempre stato piuttosto difficile fare un passo avanti. E penso che anche Lewis in una squadra sia una persona piuttosto dominante in un certo senso. Era abbastanza chiaro che non potevo avere lo stesso ruolo che ho qui.

SEGUICI SU:

📱 Facebook, la nostra pagina ufficiale.
📸 Instagram, foto a sfondo motoristico e non solo!
🎙 Spotify, per ascoltare il meglio dei podcast in cuffia.
📹 YouTube, per gustarti tutti i nostri video.
👔 LinkedIn, rimani aggiornato sulle nostre offerte e contenuti.
🐦 Twitter, per avere notizie flash sul mondo del motorsport.

Raffaello Caruso