07/07/2022

Rossomotori.it

Il motorsport raccontato fino all'ultima curva

GP Spagna, Ferrari: bisogna vedere il bicchiere mezzo pieno, senza cullarsi

GP Spagna Ferrari
Riviviamo il GP di Spagna della Scuderia Ferrari, una gara che aveva premesse ben diverse da quelle a cui abbiamo assistito.

Il GP di Spagna ha lasciato i tifosi della Ferrari con l’amaro in bocca a causa del ritiro di Charles Leclerc dopo una gara brillante e in solitaria, almeno fino al giro 27. Sainz chiude la gara al quarto posto dove, tra sfortuna e colpe proprie, ha saputo rimontare dall’undicesima piazza.

LEGGI: “GP Spagna: doppietta Red Bull, Russell a podio”

Nel GP di Spagna la Ferrari è stata sfortunata

La Scuderia Ferrari dal Gran Premio di Spagna disputato oggi porta a casa un bottino decisamente inferiore alle aspettative. Dopo la splendida qualifica di sabato, in gara il solo Carlos Sainz, giunto al quarto posto, è riuscito a conquistare dei punti, sapendo rimontare dalla undicesima posizione nella quale era scivolato dopo un testacoda al giro 7 in curva 4 a causa di un colpo di vento. Charles Leclerc è stato invece costretto al ritiro mentre aveva la gara in pugno con grande vantaggio su tutti gli avversari, a causa di un problema alla power unit.

Photo Credit: Scuderia Ferrari Media Center

Il risultato di giornata non può ovviamente soddisfare, ma la squadra porta a casa diversi aspetti positivi che nell’ottica di una stagione ancora molto lunga devono dare fiducia: la F1-75 è risultata ancora una volta molto competitiva in qualifica e si è confermata tale anche in gara, su un tracciato particolarmente critico per la gestione gomme, inoltre gli aggiornamenti introdotti in Spagna hanno funzionato come ci si aspettava.

gp spagna sainz
Photo Credit: Scuderia Ferrari Media Center

In sostanza, è stata una Ferrari costante con aggiornamenti utili e importanti che hanno dato i loro frutti. Il ritiro? Ovviamente è pesato molto in ottica mondiale, ma consideriamo che è il primo ritiro della squadra di Maranello dovuto da noie meccaniche, il primo arrivato dopo sei gare combattute; mentre Red Bull ha accusato ben 3 ritiri nelle prime tre gare. Questo dovrà pur significare qualcosa.

LEGGI: “Le classifiche aggiornate del mondiale di F1 2022”

SEGUICI SU

📱 Facebook, la nostra pagina ufficiale.
📸 Instagram, foto a sfondo motoristico e non solo!
🎙 Spotify, per ascoltare il meglio dei podcast in cuffia.
📹 YouTube, per gustarti tutti i nostri video.
👔 LinkedIn, rimani aggiornato sulle nostre offerte e contenuti.
🐦 Twitter, per avere notizie flash sul mondo del motorsport.

Raffaello Caruso