06/07/2022

Rossomotori.it

Il motorsport raccontato fino all'ultima curva

Leclerc a muro durante il GP storico di Monaco [VIDEO]

GP Monaco storico Leclerc
Rievocazione dello storico GP di Monaco andata male per Charles Leclerc che è finito a muro alla Rascasse sulla Ferrari 312 B3-74 di Niki Lauda.

In occasione della rievocazione dello storico GP di Monaco, Charles Leclerc è stato avvistato ai box della Scuderia Ferrari pronto a testare la Ferrari 312 B3-74 #12 appartenuta a Niki Lauda. Il Ferrarista, leader del campionato di Formula 1, è andato a muro alla curva Rascasse dove, anni prima, è stato famoso per un particolare sorpasso ai danni di Romain Grosjean.

Charles Leclerc a muro durante la rievocazione dello storico GP di Montecarlo su Ferrari 312 B3-74

Charles Leclerc, si sa, non è mai stato fortunato sul circuito di casa a Monaco, non riuscendo mai a concludere una gara, neanche quando correva nelle formule minori. Stessa sorte gli è toccata durante la rievocazione dello storico GP di Monaco alla guida di una difficile Ferrari 312 B3-74 di Niki Lauda, come mostrato nel video.

Originally tweeted by Sergi ✞ (@pc_sergi)

Il pilota della Ferrari ha successivamente pubblicato un post sul suo profilo Twitter spiegando quanto segue:

“Quando pensavi di avere già tutta la sfortuna del mondo a Monaco e perdi i freni a rascasse con una delle più iconiche Ferrari storiche di Formula 1”. – Charles Leclerc

Non è da sottovalutare la “figuraccia” fatta da Charles Leclerc. Il monegasco, sentendo di aver perso i freni a causa di un guasto, ha girato di posteriore la costosissima Ferrari 312 B3-74 mettendo la prima evitando così di andare a sbattere al muro della Rascasse col frontale dell’auto.

SEGUICI SU

📱 Facebook, la nostra pagina ufficiale.
📸 Instagram, foto a sfondo motoristico e non solo!
🎙 Spotify, per ascoltare il meglio dei podcast in cuffia.
📹 YouTube, per gustarti tutti i nostri video.
👔 LinkedIn, rimani aggiornato sulle nostre offerte e contenuti.
🐦 Twitter, per avere notizie flash sul mondo del motorsport.

Raffaello Caruso