04/07/2022

Rossomotori.it

Il motorsport raccontato fino all'ultima curva

Renzi Corse e Matteo Patacca sfiorano il podio nel round del CIV al Mugello

Matteo Patacca CIV Mugello
Matteo Patacca e la sua Ducati Renzi Corse ai piedi del podio in Gara 2 e 7° in Gara 1 nel round del CIV 600 Supersport & NG al Mugello.

Dopo l’esperienza nel Mondiale come wildcard è ancora tempo di CIV tra i sali scendi del Circuito del Mugello. Nonostante i postumi della caduta di Misano, per Matteo Patacca e il team è stato un weekend incoraggiante, con un buon passo a partire dai primi turni di prove e finendo con il 4° posto sia in qualifica, sia in Gara 2. Continuano dunque i progressi per il team Renzi Corse, che si conferma tra i protagonisti di questa agguerritissima categoria.

II resoconto delle due gare del CIV Supersport NG al Mugello di Matteo Patacca e il team Renzi Corse

Ancora una volta, grazie ad una buona qualifica, Patacca è stato in grado di rendersi protagonista fin dallo spegnimento dei semafori, confermandosi uno dei più reattivi in griglia al segnale di via. Dopo un paio di giri tra i primi, il giovane Talento Azzurro del Team Renzi Corse è stato inglobato dal gruppo. La 600 si conferma una categoria in cui sorpassi e controsorpassi non mancano mai, in queste condizioni i postumi della caduta rimediata nel mondiale a Misano Adriatico non hanno giovato, costringendo Patacca alla settima piazza sotto la bandiera a scacchi. 

Matteo Patacca Mugello CIV
Photo Credit: Renzi Corse

Anche in Gara 2 lo spunto al semaforo è stato ottimo, con la prima curva chiusa in battaglia per la prima posizione. A differenza di Gara 1, grazie anche ai miglioramenti a condizioni fisiche e set up della moto, Patacca è riuscito ad essere sempre in lotta per un posto sul podio, con una fase centrale di gara in cui il ritmo era molto competitivo. Solo all’ultimo giro il pilota del Team Renzi Corse ha dovuto cedere il 3° posto al rientrante Matteo Ferrari, ma la performance è stata di livello assoluto, con sprazzi di competitività quasi da Mondiale. 

Le parole di Stefano Renzi e Matteo Patacca dopo il round del CIV al Mugello

Questo appena trascorso è stato certamente un weekend di gara emozionante, consapevoli delle nostre capacità. I nostri avversari sono competitivi ma noi non siamo da meno. In Gara 1 abbiamo sofferto la mancanza di test qui al Mugello e ci abbiamo messo un po’ a trovare il giusto setting, raccogliendo meno di quanto avremmo potuto. In Gara 2 abbiamo fatto un ulteriore passo in avanti, il podio c’è sfuggito per poco, ma guardando il distacco dal vincitore (Baldassarri) siamo soddisfatti. Peccato non essere riusciti a rimanere agganciati con i due piloti in testa per giocarsi forse la vittoria. Sono contento del lavoro di Matteo e della squadra, stiamo migliorando costantemente e non posso che ringraziare tutti: piloti, team e sponsor.” – Stefano Renzi, team manager

Patacca CIV Mugello
Photo Credit: Renzi Corse

Il weekend è andato bene anche se, a dirla tutta, mi aspettavo ancora qualcosa di più specialmente in Gara 1, dato che siamo stati veloci fin dal giovedì nonostante avessi ancora qualche acciacco a causa della caduta a Misano. Purtroppo le gare sono così, abbiamo avuto degli imprevisti che non abbiamo messo in conto, ma miglioriamo ogni volta che scendiamo in pista. In Gara 2 siamo andati decisamente meglio e si è visto. Abbiamo risolto alcuni problemini e il passo gara è stato quello dei primi. Sono arrivato a pochi secondi da un pilota del Mondiale come Baldassarri e va bene, dobbiamo fare ancora qualche step ma arriveremo.” – Matteo Patacca, pilota Renzi Corse

Tieni il CIV sempre sotto controllo leggendo le classifiche di tutte le classi:

SUPERBIKE – MOTO3 – SUPERSPORT – SUPERSPORT 300 – PREMOTO3

SEGUICI SU:

📱 Facebook, la nostra pagina ufficiale.
📸 Instagram, foto a sfondo motoristico e non solo!
🎙 Spotify, per ascoltare il meglio dei podcast in cuffia.
🎥 YouTube, per gustarti tutti i nostri video. 
👔 LinkedIn, rimani aggiornato sulle nostre offerte e contenuti.
🐦 Twitter, per avere notizie flash sul mondo del motorsport.

Simone Cervelli