01/10/2022

Rossomotori.it

Il motorsport raccontato fino all'ultima curva

Umberto Zapelloni: John Elkann, presidente assente

zapelloni john elkann
Ospite nella nostra puntata di Paddock GP, Umberto Zapelloni ha espresso il suo pensiero in merito a John Elkann, presidente della Ferrari.

Il weekend del GP d’Italia non è stato contornato solo dalla grande attesa per vedere una Ferrari reagire. Le parole che il presidente John Elkann ha rilasciato in merito alla Scuderia sono infatti riecheggiate nel fine settimana italiano. Ospite nella nostra puntata di Paddock GP, Umberto Zapelloni ha espresso il suo pensiero in merito a quanto detto da John Elkann, il presidente Ferrari forse troppo assente per un team di F1 che ha l’obbligo di tornare a vincere.

LEGGI: “Il pensiero di Cesare Fiorio sulle promesse di Elkann”

Ferrari, un presidente fa la differenza?

Il presidente della Ferrari John Elkann, dopo i mesi di consueto silenzio, ha deciso di spendere alcune parole per il team guidato da Mattia Binotto. Fiducia rinnovata per il lavoro svolto dall’intero team, errori da non commettere più e un obiettivo spostato entro il 2026. Questi gli ingredienti che il presidente ha messo insieme, con quell’ultima frase inerente agli obiettivi di vittoria che ha infastidito il popolo rosso e la stessa squadra. La Ferrari deve infatti tornare a vincere già dal prossimo anno, o almeno provarci dall’inizio alla fine. Ecco cosa ci ha detto Umberto Zapelloni.

“Questa è la frase che ha infastidito di più. Io credo che un presidente della Ferrari dovrebbe interventi di più, dire il suo pensiero più spesso per stare di fianco ai suoi piloti e al suo team manager o per riprenderli in caso sia necessario. Veniamo da due presidenze Ferrari, Marchionne e Montezemolo, che erano sicuramente più attive e più incisive e i risultati, almeno nell’epoca Montezemolo, si vedevano”. – Umberto Zapelloni

zapelloni john elkann
Photo Credit: Scuderia Ferrari Twitter

“Mi ricordo a Jerez, quando Schumacher perse drammaticamente quel titolo mondiale per quella stupidata con Villeneuve; il presidente venne lì a Jerez a difendere la sua squadra, a cercare di tenerla compatta. Non aveva ancora vinto niente lui con la Ferrari, iniziò a stravincere più tardi. John Elkann è un presidente di cui ho sempre scritto assente. Continuo a pensarla così”. – Umberto Zapelloni

Zapelloni dopo le parole di John Elkann: “Ferrari ha l’obbligo di provarci il prossimo anno, non entro il 2026”

I tempi cambiano così come sono cambiate le presidenze della Ferrari, ognuna delle quali ha portato sempre qualcosa all’interno dell’intero team. Gli obiettivi di John Elkann a livello sportivo sembrano essere orientati altrove rispetto alla F1, ma la storia della Scuderia forse necessita di un trattamento e di una spinta per il futuro ben diversi. L’enorme progresso fatto dalla Ferrari rispetto agli ultimi due anni è evidente; ora però serve quel passo in più affinché la lotta mondiale non si spegna a metà stagione. E, forse, un occhio di riguardo in più da parte di chi sta al vertice potrebbe risultare quell’ingrediente segreto che ad oggi ancora manca.

“Il suo discorso sugli errori di Binotto, sulla squadra che è cresciuta dallo scorso anno, sul fatto che tutti, ingegneri, meccanici, piloti, devono migliorare un po’, è un discorso con cui sono perfettamente d’accordo. Dopo i risultati di quest’anno, dopo una Ferrari che è partita molto bene e che ha recuperato tanto sulla concorrenza, io credo che il presidente avrebbe dovuto dire che nel 2023 ci deve essere l’obbligo di puntare al mondiale. Non dire che da qui al 2026 vinceremo sicuramente un titolo Piloti e un Costruttori, anche perché non è scontato”. – Umberto Zapelloni

zapelloni john elkann
Photo Credit: Scuderia Ferrari Twitter

“Io metterei un po’ di pressione, anche se la Ferrari ne ha già tanta. Io credo che l’obbligo della presidenza Ferrari sia di dire che bisogna provarci l’anno prossimo e restare in lotta fino all’ultimo. Poi se non succederà allora si rimanderà, ma l’obbligo morale della Ferrari, dopo il grande progresso fatto, deve essere quello. John Elkann è molto concentrato su Le Mans, ma visti gli investimenti e i ritorni che dà la F1, credo sia il caso di metterci un occhio e magari intervenire un po’ più frequentemente sulle cose della Scuderia”. – Umberto Zapelloni

Ascolta Paddock GP!

Nell’ultima puntata di Paddock GP Raffaello Caruso, Chiara Zambelli e Gabriele Bassi hanno commentato il GP d’Italia assieme al giornalista ed autore Umberto Zapelloni.

SEGUICI SU:

📱 Facebook, la nostra pagina ufficiale.
📸 Instagram, foto a sfondo motoristico e non solo!
🎙 Spotify, per ascoltare il meglio dei podcast in cuffia.
📹 YouTube, per gustarti tutti i nostri video.
👔 LinkedIn, rimani aggiornato sulle nostre offerte e contenuti.
🐦 Twitter, per avere notizie flash sul mondo del motorsport.
🎮 Twitch, streaming sulle cronache live delle gare e sul mondo videoludico del motorsport.

Chiara Zambelli

About Post Author