01/10/2022

Rossomotori.it

Il motorsport raccontato fino all'ultima curva

Una Red Bull che a Perez sta stretta

sergio perez red bull pierre wache
Pierre Wache, direttore tecnico del team Red Bull, ha spiegato i problemi che Sergio Perez sta affrontando con la sua vettura.

Nel corso della gare è risultato evidente come l’assetto della nuova Red Bull a effetto suolo si sia sempre più distaccato dalle preferenze di Sergio Perez in favore di quelle del campione del mondo in carica. A parlarne più approfonditamente è stato il direttore tecnico della Red Bull Pierre Wache, come riportato da RaceFans.net.

LEGGI: “Approvato il calendario di F1 2023: saranno 24 GP”

Pierre Wache spiega le differenze tra Perez e Verstappen in relazione alla nuova Red Bull

La prima parte di campionato aveva abituato ad un Sergio Perez combattente, presente in gara quasi al pari del compagno Verstappen; ma qualcosa, ormai da parecchie gare, deve essere cambiato in casa Red Bull. Di quel pilota messicano che è riuscito a vincere a Monaco sembra infatti non avanzare più niente. Ed ora il pubblico non può che domandarsi se mai rivedrà più quel pilota che, tifo a parte, ha sempre mostrato una buona guida.

Sergio Perez Pierre Wache Red Bull Racing
Sergio Perez – Photo Credit: Red Bull Content Pool

Il miglioramento gara per gara della Red Bull, dovuto soprattutto ad una diminuzione di peso, è arrivato di pari passo al declino di Perez a cui sembra ovvio non si adatti la vettura. Max Verstappen, a differenza sua, sembra invece stia mostrando la parte migliore di sé. In un’intervista rilasciata a RaceFans.net, Pierre Wache, direttore tecnico in casa Red Bull, ha confermato quello che ormai è un dato di fatto piuttosto evidente.

“Sono tanti i motivi delle difficoltà di Sergio, ma quello principale è il bilanciamento della vettura. Ad inizio stagione lo era più per lui, ora lo è per Max. Gli sviluppi portati non sono stati ideali per Perez ed è stato difficile trovare quello giusto per farlo sentire sicuro per poter lottare o battere Max. Tutto si è evoluto insieme e tutto è andato in favore di Max; lui riesce a guidare qualsiasi vettura. Ora dobbiamo trovare il modo di dare anche a Sergio una monoposto competitiva. Quando si fanno sviluppo si cerca di ottenere il meglio dalla vettura; il fatto che sia risultata più adatta a Max non era lo scopo del lavoro fatto”. – Pierre Wache

Sono quindi difficili da dimenticare, se viste in questo contesto, le parole di Jos Verstappen al termine del GP di Monaco. Jos, in quell’occasione, aveva infatti spesso sottolineato il cattivo feeling provato dal figlio con una vettura, che ai tempi, era difficile da guidare proprio per lo stile di guida del campione olandese.

SEGUICI SU:

📱 Facebook, la nostra pagina ufficiale.
📸 Instagram, foto a sfondo motoristico e non solo!
🎙 Spotify, per ascoltare il meglio dei podcast in cuffia.
📹 YouTube, per gustarti tutti i nostri video.
👔 LinkedIn, rimani aggiornato sulle nostre offerte e contenuti.
🐦 Twitter, per avere notizie flash sul mondo del motorsport.
🎮 Twitch, streaming sulle cronache live delle gare e sul mondo videoludico del motorsport.

Amalia Martini

About Post Author