08/12/2022

Rossomotori.it

Il motorsport raccontato fino all'ultima curva

Mattia Binotto spiega perché non hanno scambiato le auto nel GP del Brasile favorendo Sainz

GP Brasile Binotto
Il TP della Ferrari Binotto ha rivelato cosa ha influenzato la decisione che ha consentito a Sainz di mantenere il podio nel GP del Brasile.

La paura della Ferrari di una potenziale penalità di tempo è stata una delle ragioni principali per cui ha scelto di mantenere Carlos Sainz davanti al compagno di squadra Charles Leclerc nel Gran Premio del Brasile, come rivelato da Mattia Binotto.

Mattia Binotto chiaro sul mancato scambio di posizioni durante il GP del Brasile

Charles Leclerc, in lotta con Sergio Perez per la seconda posizione nel campionato piloti, ha supplicato la squadra negli ultimi giri del GP del Brasile per passare dal quarto posto e di ereditare il podio di Sainz nel suo tentativo di guadagnare punti extra sul messicano della Red Bull.

Tuttavia, la Scuderia ha rifiutato la richiesta, il che significa che Leclerc ha raccolto 12 punti per il quarto posto e, insieme ai 6 punti di Perez per il settimo posto, i due si ritrovano adesso a disputare l’ultima gara di Abu Dhabi con entrambi a 290 punti.

GP Brasile Binotto
Photo Credit: Scuderia Ferrari Media Center

Dopo la gara del GP del Brasile, il TP della Ferrari Binotto ha spiegato come la confusione avuta in regime di Safety Car con Yuki Tsunoda non sdoppiato ha destato un po’ di confusione nel team italiano e non si sentiva a proprio agio nello scambiare i posti durante la lotta con la Mercedes.

Nonostante Tsunoda fosse doppiato, il pilota AlphaTauri è diventato una figura centrale nella gara della Ferrari quando una lacuna dei sistemi FIA non ha segnalato al pilota nipponico di passare tutti per sdoppiarsi in regime di SC. A causa della stranezza, il pilota giapponese non è stato in grado di sbloccare la propria posizione ed è stato bloccato tra i primi per la ripartenza. Una volta ripresa la gara, si è subito fermato sul lato sinistro della pista per togliersi di mezzo, ma Binotto ha rivelato che la squadra credeva di essere indagata per l’incidente.

GP Brasile Binotto
Photo Credit: Scuderia Ferrari Media Center

“In primo luogo, scambiare le due vetture all’ultimo giro è stato sicuramente complicato perché Charles aveva Fernando e Max appena dietro. Sapevamo di essere indagati per quello che è successo dietro la Safety Car con Tsunoda. All’epoca eravamo autorizzati dal controllo di gara, quindi eravamo abbastanza a nostro agio, ma senza avere una conclusione in merito, sarebbe stato rischioso scambiare le auto. Perché una penalità di cinque secondi, ad esempio, significherebbe poi che Carlos avrebbe perso più di una posizione, quindi per il Campionato Costruttori era sicuramente meglio mantenere le posizioni ei distacchi in pista”.

SEGUICI SU:

📱 Facebook, la nostra pagina ufficiale.
📸 Instagram, foto a sfondo motoristico e non solo!
🎙 Spotify, per ascoltare il meglio dei podcast in cuffia.
📹 YouTube, per gustarti tutti i nostri video.
👔 LinkedIn, rimani aggiornato sulle nostre offerte e contenuti.

Raffaello Caruso

About Post Author