01/12/2022

Rossomotori.it

Il motorsport raccontato fino all'ultima curva

Sainz, quanti ritiri: sono 4 le volte in cui Carlos ha dato forfait al primo giro

sainz gp giappone

Photo Credit: Scuderia Ferrari Twitter

In questa stagione di F1, Carlos Sainz, si è ritirato ben sei volte. Due volte per problemi al motore e quattro per errori o incidenti.

In questa stagione di F1 Carlos Sainz sta vivendo momenti di alti e bassi. Ha conquistato la sua prima vittoria in carriera, ed è sempre arrivato almeno quinto ad eccezione del GP d’Olanda, in cui è giunto ottavo. Carlos Sainz ha però collezionato ben sei ritiri in questa stagione di F1. Due, in Austria e Azerbaijan, per problemi al motore e gli altri  quattro tutti al primo giro per suoi errori o per incidenti; andiamo ad analizzare questi ultimi uno per uno.

LEGGI: “Umberto Zapelloni tira le somme sulla Ferrari”

Carlos Sainz e i ritiri in questo mondiale di F1: il primo in Australia

L’Australia è il terzo appuntamento della stagione e la Ferrari è reduce da una super doppietta in Bahrain e una seconda e terza posizione in Arabia Saudita. Il weekend di Melbourne è perfetto per Leclerc che trionfa portando a casa la seconda vittoria in tre gare, tutt’altro che perfetta invece è la gara di Carlos Sainz. Dopo una qualifica sfortunata il pilota spagnolo parte solo nono in griglia ed è costretto ad una rimonta. La Ferrari rischia il tutto per tutto e decide così di montare sulla macchina di Sainz la gomma dura, la meno facile da scaldare ma con durata maggiore, tutti gli altri piloti in griglia partono invece con la gomma media.

La partenza non è delle migliori per il pilota ferrarista che si vede passare dalle altre vetture con estrema facilità.  L’ex pilota McLaren si impegna con le unghie e con i denti per rimanere il più vicino possibile a Mick Schumacher ma le gomme non sono ancora in temperatura e questo causa un testacoda che fa finire Sainz prima sull’erba e poi impantanato nella ghiaia. Per l’iberico è il primo ritiro stagionale e la prima gara senza punti dopo una striscia di tre podi consecutivi.

carlos sainz ritiri f1
Photo Credit: F1 Twitter

“È stato un weekend molto deludente e brutto. Ho fatto un errore tentando la rimonta ma avevo gomme fredde. Dovevo essere più paziente. Devo imparare da questo errore e tornare più forte. L’errore è stato mio. I tanti problemi non hanno aiutato, per questo dobbiamo migliorare. L’errore ultimo però è il mio. Mancano 20 gare, quindi dobbiamo migliorare per quelle”. – Carlos Sainz

Secondo ritiro: Gran Premio dell’Emilia Romagna 

Quindici giorni dopo Melbourne si corre in Italia, a Imola, per il GP dell’Emilia Romagna. Nelle qualifiche Sainz non brilla e registra solamente il decimo tempo in vista per la Sprint che decreta la griglia di partenza. Nella Sprint lo spagnolo è il protagonista assoluto rimontando ben sei posizioni risalendo fino al quarto posto in griglia.

Il pilota ferrarista scatta quindi dalla seconda fila ma le condizioni bagnate della pista non gli premettono di avere una buona partenza. Dopo due curve, al Tamburello, Sainz cerca di farsi largo fra la McLaren di Ricciardo e l’Alfa Romeo di Valtteri Bottas. L’australiano però sbaglia a impostare una curva e colpisce da dietro la monoposto dello spagnolo, che finisce in testacoda terminando la sua corsa nella ghiaia.

GP Emilia Romagna McLaren
Photo Credit: F1 Official Account

“Siamo partiti male, questo è sicuro. Purtroppo sono totalmente incolpevole per quello che è successo in curva 2 con il contatto e il testacoda con Ricciardo. È stato un incidente di gara. Non è facile, è un momento difficile. Sono due gare di fila che non faccio più di due giri. In questi momenti bisogna rimanere positivi, fare il mio lavoro e il mio mestiere bene. E i bei momenti arriveranno”. – Carlos Sainz

I ritiri di Carlos Sainz nel mondiale 2022 di F1: il terzo arriva in Giappone

La F1 si ritrova in Giappone per la diciottesima tappa della stagione, in questo week end Max Verstappen si può laureare per la seconda volta campione del mondo. Per Carlos Sainz invece c’è la possibilità di salire nella parti alte della classifica piloti dopo molti risultati utili consecutivi. Lo spagnolo guida molto bene in qualifica e si assicura la terza posizione sulla griglia.

La domenica però le condizioni meteorologiche non sono delle migliori, infatti a causa di una pioggia torrenziale la gara viene posticipata. La pioggia diminuisce ma la pista continua a essere estremamente bagnata, si decide comunque di partire. In queste condizioni proibitive Sainz, nel primo giro, perde il controllo della sua Ferrari F1-75 andando a sbattere contro le barriere. Per fortuna niente di grave per lo spagnolo che però è costretto al ritiro.

Photo Credit: F1 Twitter

“Sono cose che purtroppo in queste condizioni possono accadere, purtroppo non vedevo niente in partenza e quando sono uscito dalla scia di Perez sono andato a sbattere. La dinamica mi ha rimesso in pista e ho temuto moltissimo che le altre macchine mi centrassero. Sei nelle mani di Dio perché non sai se ti vedono o no.“ – Carlos Sainz

Quarto ritiro: Gran Premio degli Stati Uniti

Siamo ad Austin, Stati Uniti, ed è  il diciannovesimo round del mondiale e dopo l’assegnazione del titolo piloti con la Ferrari cerca di difendere la seconda posizione nella classifica costruttori. La qualifica di Sainz è superlativa, infatti riesce a conquistare la pole position. La partenza però non è ottima e lo spagnolo si fa sorpassare da Verstappen partito secondo. Il sogno del ferrarista di fare una grande gara e di conquistare la sua seconda vittoria in carriera, si spezza però alla primissima curva. Dopo l’errore di Sainz, le Mercedes dietro di lui scalpitano e cercano di recuperare posizioni. Russell effettua un sorpasso rischioso sul compagno di squadra Hamilton, va al bloccaggio e alla fine carambola su Sainz. La vettura dello spagnolo non ha danni evidenti, ma è stata colpita in un punto dove sono posizionati elementi importanti dell’auto, così il ferrarista è costretto al suo secondo ritiro consecutivo.

Photo Credit: Twitter

“Sono molto arrabbiato e deluso, questa è la seconda gara consecutiva che finisco senza neanche fare un giro. Ero in battaglia con Max e da dietro arriva uno che non era neanche in battaglia con noi spingendomi fuori: è frustrante.” – Carlos Sainz

SEGUICI SU:

📱 Facebook, la nostra pagina ufficiale.
📸 Instagram, foto a sfondo motoristico e non solo!
🎙 Spotify, per ascoltare il meglio dei podcast in cuffia.
📹 YouTube, per gustarti tutti i nostri video.
👔 LinkedIn, rimani aggiornato sulle nostre offerte e contenuti.
🐦 Twitter, per avere notizie flash sul mondo del motorsport.
🎮 Twitch, streaming sulle cronache live delle gare e sul mondo videoludico del motorsport.

Giuseppe Della Spina

About Post Author